Lorenzo Dardano
Mi serviva questo sito internet per scrivere una frase che in pubblico non pronuncio mai, preferendo un “lavoro in radio” o “mi diverto con la voce”. E invece il mettere in fila il materiale sparso qua e là mi ha fatto ricredere. C’è la radio, con gli inizi nel 2008 a Piacenza dove mi sono laureato, passando per i talent, fino ad arrivare ai giorni d’oggi a Milano col doppio impegno presso RadioFreccia e con Radiospeaker.it.
Lorenzo Dardano Sito/Blog /Tutti zitti, parla il silenzio

Tutti zitti, parla il silenzio

Tutti zitti, parla il silenzio

Sul monitor inizia a scorrere il timer. Il dito è sul pulsante dell “On Air”, quello che attiverà il microfono posto davanti alla mia bocca. La coda della canzone sta sfumando dentro le cuffie che indosso dietro al cappello. Nell’ attimo in cui prendo fiato, il buio dello studio è spezzato da una fessura di luce che si disegna sul pavimento. La intravedo con la coda dell’occhio, mi volto di scatto per capire di chi si tratti. Non vedo nessun volto, ma percepisco comunque una “presenza”, mentre la pesante porta si richiude magicamente. Nell’assenza di rumore la figura si rivela a me, chiudo gli occhi e, rigorosamente senza proferire parola, penso che “Sì, mi sarà d’aiuto”….

Lorenzo Dardano

Lorenzo Dardano

Mi serviva questo sito internet per scrivere una frase che in pubblico non pronuncio mai, preferendo un “lavoro in radio” o “mi diverto con la voce”. E invece il mettere in fila il materiale sparso qua e là mi ha fatto ricredere. C’è la radio, con gli inizi nel 2008 a Piacenza dove mi sono laureato, passando per i talent, fino ad arrivare ai giorni d’oggi a Milano col doppio impegno presso RadioFreccia e con Radiospeaker.it. C’è la parentesi televisiva, tra lettura del telegiornale ed interviste.

Nessun commento

Lascia un commento