Lorenzo Dardano
Mi serviva questo sito internet per scrivere una frase che in pubblico non pronuncio mai, preferendo un “lavoro in radio” o “mi diverto con la voce”. E invece il mettere in fila il materiale sparso qua e là mi ha fatto ricredere. C’è la radio, con gli inizi nel 2008 a Piacenza dove mi sono laureato, passando per i talent, fino ad arrivare ai giorni d’oggi a Milano col doppio impegno presso RadioFreccia e con Radiospeaker.it.

Il Clock Radiofonico

Il Clock Radiofonico

Il Clock Radiofonico si può definire come “la carta d’identità di una radio” o l'”ossatura di una radio”. E’ tutto quello che accade in un’ora secondo per secondo, quindi la durata e il punto esatto in cui sono collocati tutti gli eventi che l’ascoltatore sente in onda. Quindi, ad esempio, il segnale orario, lo sponsor, il notiziario, il jingle, la sigla, la canzone, ecc. Ogni radio, anche quelle parlate, ha un tipo di clock differente che indica in modo preciso che cosa deve andare in onda in quel momento. Ad illustrare il tutto Roberto Uggeri.

Roberto Uggeri

Roberto Uggeri

Conduttore radiofonico, giornalista e speaker pubblicitario. Comincia a divertirsi in radio, per gioco, a sedici anni, nel 1982. Dopo dieci anni di prove, esperimenti e gavetta in molte radio locali di Lodi, Crema, Pavia e Milano, firma il primo vero contratto, nel 1992, per Gamma Radio. Nel 1997 passa a Circuito Marconi. Nel 2000 entra nel gruppo RTL 102.5 dove resterà fino al 2015. Negli ultimi tre anni collabora con Radio Bruno. Svolge anche attività di coordinamento, consulenza e formazione radiofonica. Insomma, vive di espedienti da trentacinque anni, pur di non lavorare.

Nessun commento

Lascia un commento