Lorenzo Dardano
Mi serviva questo sito internet per scrivere una frase che in pubblico non pronuncio mai, preferendo un “lavoro in radio” o “mi diverto con la voce”. E invece il mettere in fila il materiale sparso qua e là mi ha fatto ricredere. C’è la radio, con gli inizi nel 2008 a Piacenza dove mi sono laureato, passando per i talent, fino ad arrivare ai giorni d’oggi a Milano col doppio impegno presso RadioFreccia e con Radiospeaker.it.
Lorenzo Dardano Sito/Lorenzo Incontra /La Radio in Televisione: Ibridizzazione

La Radio in Televisione: Ibridizzazione

La Radio in Televisione: Ibridizzazione

La televisione è tra i nuovi metodi di trasmissione delle radio: cosa cambia sul piano della regolamentazione? Lo spiega l’avvocato Massimo Lualdi. Con questo video si vuole affrontare il tema dell'”Ibridizzazione” della radio. Negli ultimi anni diverse radio (Fm e Web) hanno perso la connotazione esclusivamente sonora, diventando anche “altro”: quindi testo, ma anche visual integrandosi attraverso le immagini. La trasmissione del segnale avviene dunque su più piattaforme: ai tradizionali ambienti FM e Ip, si aggiungono anche il Digitale Terrestre e la Televisione Satellitare. I detrattori sostengono che questa frontiera abbia snaturato la radio, mentre i sostenitori credono si tratti di un’evoluzione dello strumento per essere al passo coi tempi. Oltre alla strumentazione necessaria (esempio Webcam) di cui occorre dotarsi, non occorrono ulteriori licenze per la trasmissione del video, a meno che non si tratti di videoclip musicali.

 

 

Massimo Lualdi

Massimo Lualdi

Nato a Legnano nel 1964, è un avvocato specializzato in diritto delle comunicazioni ed in particolare di radiodiffusione sonora e televisiva. Fondatore di Consultmedia, prima struttura italiana di consulenza radiotelevisiva a più livelli, è anche giornalista (dirige la testata Newslinet.com). Ha scritto su materie giuridiche e sociologiche attinenti alla radiofonia. Amante della lettura, è un assiduo mountain-biker. Ma la sua vera passione rimane la Radio, che frequenta dal 1982.

Nessun commento

Lascia un commento