Lorenzo Dardano
Mi serviva questo sito internet per scrivere una frase che in pubblico non pronuncio mai, preferendo un “lavoro in radio” o “mi diverto con la voce”. E invece il mettere in fila il materiale sparso qua e là mi ha fatto ricredere. C’è la radio, con gli inizi nel 2008 a Piacenza dove mi sono laureato, passando per i talent, fino ad arrivare ai giorni d’oggi a Milano col doppio impegno presso RadioFreccia e con Radiospeaker.it.

I Microfoni da Radio

I Microfoni da Radio

In questa intervista andiamo a scoprire i microfoni da radio, le loro caratteristiche e i supporti necessari da acquistare. La spiegazione è affidata a Stefano Tumiati, protagonista di questo primo video.

“I microfoni da radio sono a condensatore – spiega Stefano – sono qualitativamente più alti e si distinguono ad esempio da quelli dinamici che si usano più nei live“.

Quali sono i parametri da valutare per scegliere un buon microfono? “Anzitutto la sensibilità – risponde Stefano – ovvero quanto segnale elettrico si riesce a generare rispetto alla pressione sonora che entra: un microfono a condensatore ha una sensibilità di circa 20 mv/Pa, un dinamico di circa 5 mv/Pa. Il secondo parametro è la risposta in frequenza, ovvero quanto il microfono riesce a riprodurre fedelmente il suono che vi entra, cogliendone tutti i dettagli”.

Nel settore dei microfoni da radio, esistono naturalmente diverse marche. Tra le aziende top di gamma vi è sicuramente la tedesca Neumann che produce, tra gli altri, il modello “U 87” usato dalle principali radio FM italiane. “Un microfono con un diaframma molto largo – spiega Stefano – che riesce a catturare la maggior parte delle frequenze. Ha però un costo alto, intorno ai 2.500 euro”. Della stessa Neumann esistono però anche microfoni di prezzo inferiore, tra questi, ad esempio, la serie TLM usati anch’essi in diverse radio nazionali. “Il costo si aggira intorno ai 1.000 euro ed ha una buona qualità di ripresa sonora”.

Per chi si approccia per la prima volta a questo tipo di strumenti e non può spendere una cifra così alta, vengono consigliati i microfoni dall’australiana Rode che propone anche modelli di prezzo inferiore ai 500 euro.

Per un corretto utilizzo dei microfono da radio, si consiglia di acquistare altri due supporti: il primo è il pop filter che serve a “parare” le consonanti labiali (“p” e “b”), l’altro è il cosiddetto “ragno” utile ad evitare le vibrazioni.

Tutti i video con protagonista Stefano Tumiati sono stati realizzati presso la sede dell’emittente “Cluster Fm“, con sede a Rho (MI), che si ringrazia per la concessione degli spazi.

Stefano Tumiati

Stefano Tumiati

Classe 1993, Stefano Tumiati si avvicina prima alla musica poi alle tecniche audio. Nel 2015 approda a Radio Lombardia, dove si occupa di regia e produzione audio/video. Dal 2016 collabora con la NAM (Nuova Audio Musicmedia) di Milano in qualità di docente per i corsi di Fonico Sound Designer dove insegna Teoria Tecnica, Pratica di Studio, Pro Tools e Informatica. Dal 2017 è docente dei corsi di regia radiofonica di Radiospeaker.it per la sede di Milano. Oltre alla radio, la sua vera passione è la musica da ascoltare durante un viaggio, una cena tra amici, un allenamento o un momento speciale.

Nessun commento

Lascia un commento